Genovese…..a modo mio

IMG_2635
Nonostante il nome……ricetta tipicamente napoletana!!! Era uno dei pochi primi piatti con carne che da bambina mi faceva leccare i baffi, cosi qualche giorno fa, ho pensato di farlo ai miei bambini…….e a me, visto che da quando sono andata via di casa non l’avevo più mangiato. Dopo aver fatto la spesa ho telefonato alla mia mamma per avere la ricetta ( e soprattutto le sue dritte ) e poi mi sono messa all’opera. L’unica modifica fatta alla ricetta che lei mi ha dato, è stata quella di eliminare il pomodoro perché volevo un sugo completamente bianco, e l’aggiunta del pecorino sardo a scaglie! Il risultato è stato ottimo, i bambini hanno apprezzato tantissimo il sapore dolciastro di quel sugo di cipolla aromatizzato dalla nota più decisa conferitagli dalla carne e quest’ultima, con la cottura lenta, diventa di una morbidezza unica, proprio come piace a loro! Insomma, un perfetto piatto unico per i miei figli……..e un bellissimo salto nel passato per me!!!

Ingredienti x 6

4 cipolle bianche
600 g di bocconcini di vitello
450 g di pennette integrali
1 bicchiere di vino bianco
olio evo
sale
pepe
2 foglie d’alloro
pecorino sardo qb

 

Informazioni

tempo: 1 ora  circa
difficoltà: bassa
costo: basso

 

Preparazione

Inizio pulendo le cipolle e dividendole in due, le metto in una ciotola colma d’acqua e le lascio riposare per almeno mezz’ora per far perdere loro l’effetto ” lacrimogeno ” che mi pervade ogni volta che le affetto. Trascorso il tempo necessario le tiro fuori dall’acqua e le taglio a spicchi. Metto le cipolle a soffriggere nella pentola a pressione senza coperchio con un filo d’olio, e poco dopo aggiungo i bocconcini di carne dopo averli passati leggermente nella farina.


Lascio rosolare bene la carne, regolo di sale e pepe, sfumo con il bicchiere di vino e, una volta evaporato l’alcool, aggiungo due bicchieri d’acqua e due foglie d’alloro. Copro la pentola a pressione con il suo coperchio e attendo il fischio, da quel momento la cottura dovrà continuare per 20 minuti.  Nel frattempo in un’altra pentola, porto ad ebollizione l’acqua per la pasta, aggiungo il sale e calo le mie pennette integrali. Quando il tempo di cottura del condimento sarà trascorso allontano la pentola a pressione dal fuoco, la lascio raffreddare e prima di aprirla mi assicuro che dalla valvola di sicurezza non fuoriesca più vapore sollevandola ( ho sempre un po’ paura di questo tipo di pentola! ). Separo la carne dalle cipolle e frullo queste ultime con un frullatore ad immersione, fino a formare una cremina. Metto la crema di cipolle nella pentola a pressione aperta con la carne per farla insaporire un po’ poi divido nuovamente. Colo la pasta un paio di minuti prima del termine della cottura, tenendo da parte un po’ della sua acqua. Unisco le pennette alla crema di cipolle, accendo il fuoco e ultimo la cottura  aggiungendo l’acqua tenuta da parte poco alla volta. Scaldo la carne e impiatto aggiungendo le scaglie di pecorino sardo.

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Scrivi il primo commento!

avatar
1000

wpDiscuz