Ristorante Lo Rò 5/5 (2)

loro1

A Trescore Balneario, in una cascina risalente alla fine del 600, si trova il ristorante LoRo. Un’ambientazione davvero affascinante, sia dall’esterno ma ancor più all’interno. Il ristorante è suddiviso in diverse sale, con soffitti a volta, travi a vista e splendidi caminetti, che in una fredda giornata autunnale come questa rendono, se possibile, l’atmosfera ancora più magica. Ma veniamo al sodo: la cucina! Sotto la guida dello Chef PierAntonio Rocchetti propone piatti originali con accostamenti mai banali. Partendo dalla tradizione culinaria italiana e rivisitandola come solo uno chef istrionico e di classe può fare. Dire che il ristorante ha da qualche anno conquistato l’ambita stella Michelin è riduttivo. In questa categoria mi è spesso capitato di trovarmi in luoghi assolutamente non all’altezza, nè per la cucina, nè per il servizio…….e non è decisamente questo il caso! Il ristorante LoRo si distingue dagli altri, per la qualità, la cura dei dettagli e la ricercatezza dei suoi piatti. Perchè in Italia si mangia bene in tanti posti……ma trovarne uno dove il pranzo si trasforma in un’esperienza sensoriale, non è facile. Ed è questo secondo me, che dovrebbe distinguere i ristoranti stellati da tutti gli altri……Ma veniamo alla nostra esperienza! E’ la terza volta che veniamo a pranzo in questo ristorante, è domenica e siamo al completo: io, mio marito e i bambini( Mario, Ilary e Paolo). Veniamo fatti accomodare in una tranquilla saletta,con camino e travi a vista, ad un tavolo tondo che consente al meglio la convivialità……..anche se, il patto delle uscite a pranzo con i miei bambini è: prima si mangia e dopo è concesso giocare con i vari tablet e telefoni, d’altra parte i nostri pranzi fuori non sono certo brevi, e non si può pretendere dai bambini più pazienza di quanta ne dispongano! Appena accomodati, troviamo ad attenderci al tavolo grissini e crackers fatti artigianalmente…..che i miei figli sembrano particolarmente apprezzare, visto che ne siamo stati riforniti per ben 2 volte! Scegliamo l’aperitivo e, dopo aver ordinato con i consigli dello Chef che nel frattempo è venuto a salutarci, arrivano gli stuzzichi di benvenuto. Serviti su dei bellissimi vassoietti di ardesia, sono uno splendore per gli occhi e per il palato. Si tratta di una polpettina di formaggio fresco alle erbe aromatiche, un cannoncino di pasta fillo con tartare di tonno e uova di salmone e dei macarones con crema di mortadella e pistacchi. Tutti deliziosi, soprattutto il cannoncino con tartare apprezzato anche da Ilary e Mario. Ci viene servito il pane, profumato alla cannella e una focaccia.

Arriva la pasta per i bambini, rigorosamente al pomodoro, e iniziano ad arrivare anche i nostri antipasti. Per mio marito capasanta con mortadella e topinambur, per me gamberi rossi e calamaretti spillo serviti su una buonissima crema di ceci e qualche spruzzatina di gaspacho. Continuiamo con gli antipasti, la scelta era talmente difficile che abbiamo deciso di prenderne due a testa sacrificando il secondo! Prendiamo del foie gras con scampi confettura di cipolle e salsa al vino rosso ( buonissimo) e un crudo di mare, fresco e molto buono, ma senza abbimamenti che mi lasciano di stucco……qui forse lo Chef potrebbe osare un pochino di più, ma magari è solo una scelta stilistica. Come primo non resistiamo, e anche se la voglia di provare cose diverse è tanta, ordiniamo entrambi il risotto…..e senza alcun pentimento dire!!!! Scampi, gamberi, astici e calamaretti adagiati su un risotto mantecato alla perfezione…….una vera poesia!!!!  Sorseggiamo le ultime gocce del nostro bianco cuertefranca, mentre i bambini scelgono il dessert.

Arrivano i pre dessert, sempre sui fantastici vassoietti di ardesia! Sono dei cioccolatini alla ciliegia, macarones e marron glace. I bambini invece ordinano una rivisitazione del tiramisù e un dessert al cioccolato. Noi adulti facciamo compagnia con un ultimo calice di prosecco e poi, dopo l’immancabile foto davanti al caminetto, soddisfatti e appagati, ci apprestiamo ad andar via. Certo, non è un ristorante  da tutti i giorni, ma quando si vuole qualcosa in più è giusto pagarlo un pò di più,e ogni tanto o per le occasioni speciali, è giusto concederselo!

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Scrivi il primo commento!

avatar
1000

wpDiscuz