Villa Crespi…….incanto d’altri tempi 5/5 (1)

IMG_8880

Ecco un luogo incantato che vi lascerà senza fiato! Sulle rive del lago d’Orta si erge questa meravigliosa villa fatta costruire alla fine del 1800 da Cristoforo Benigno Crespi. Il mecenate innamoratosi durante i suoi viaggi di Baghdad, fece dare alla costruzione uno stile moresco che, sposato con lo splendido parco degradante sul lago, dona alla villa un aspetto fiabesco.
Per il nostro undicesimo anniversario di matrimonio, io e mio marito, ci siamo regalati un pranzo in questa bellissima location riportata al vecchio splendore da Antonino Cannavacciuolo e sua moglie.
Era da tempo che volevamo degustare la cucina del bravissimo Chef partenopeo, e un anniversario ci è sembrata l’occasione giusta!


Dopo aver ammirato lo splendore del luogo veniamo accolti all’ingresso ( dove fanno bella mostra i libri dell’amato Chef ) e accompagnati al nostro tavolo. La sala è elegantissima e sfarzosa come l’esterno, forse anche un po’troppo per i miei gusti, ma in un contenitore così, non si potrebbe proprio fare diversamente. Dopo aver studiato un po’ il menù ordiniamo, a quella che credo fosse la sorella di Antonino o comunque un componente della famiglia a giudicare dalla cadenza ( direi che di accento napoletano me ne intendo!) e da lì inizia lo spettacolo……!!!!
Una cucina con basi classiche, dalla quale spuntano fuori prepotentemente le radici dello Chef ma anche la contaminazione con il Piemonte, terra che lo ha adottato e completato professionalmente. Tutto però sempre rielaborato da un esclusivo mix di semplicità e fantasia dove, i piatti  più buoni sembrano essere anche incredibilmente facili da preparare, solo perché alla spalle, c’è la conoscenza e il rispetto della materia prima e di conseguenza la sua esaltazione!


A fine pranzo chiediamo di salutare lo Chef, che ha preso posto proprio all’ingresso (accanto ai suoi libri, ma io arrivo preparata con il mio libro portato da casa!), e come una vera star firma autografi, fa foto e stringe mani a tutti gli ospiti, con la naturalezza e la semplicità di un vecchio amico rivisto dopo tanto tempo!
Arriva il nostro turno e dopo esserci complimentati con lui per l’ottima cucina e aver fatto tutte le foto di rito, non può non scappare tra lui e mio marito il solito commento calcistico sul Napoli con l’immancabile frecciatina per me, che sono Interista.
E così salutiamo Antonino e Villa Crespi, con simpatia, ammirazione e semplicità…….la semplicità delle cose vere!

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Scrivi il primo commento!

avatar
1000

wpDiscuz